Concentrazioni pericolose ? Spunti per una riflessione

Akamai e pochi altri per i grandi network, Amazon per le vendite, eBay per le vendite fra privati, Google, Yahoo e Bing come search engine, Twitter e Facebook per il social networcking (ma anche Ming e LinkedIn), Flikr e Photobucket per il photo sharing, Youtube e Metacafe per i video.

Si tratta di una semplificazione, tuttavia, per quanto si allarghi il numero dei grandi player considerati per ciascuna categoria, rimaniamo quasi sempre sulla punta delle dita di una sola mano per descrivere il mondo degli operatori di rete.

Lasciando agli economisti il compito di comprendere le ragioni del fenomeno (idee innovative, economie di scala, fenomeni di lock-in ecc.), rimane il dato di fatto che milioni di persone, enti ed imprese si avvalgono di pochi fondamentali servizi per gestire la propria vita attraverso le reti informatiche…. continua qui su www.medialaws.eu

Questa voce è stata pubblicata in Internet e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...